Mario Bemer – una storia del Made in Italy

 

Mario Bemer

A Firenze si è conclusa da poco la 91esima edizione di Pitti Immagine Uomo . Centinaia di marchi italiani e stranieri hanno svelato le proprie proposte per il nuovo guardaroba maschile autunno-inverno 2017-2018. Tra le eccellenze del Made in Italy era presente anche il marchio fiorentino Mario Bemer, con la sua ricercata collezione di calzature di nicchia. Elegantissime oxford traforate, raffinati derby bicolore, tronchetti, mocassini e monki – il tutto in cuoio di prima qualità, declamante  un’estetica pulita, sobria e nello stesso tempo lussuosa.

Gli esperti di marketing sostengono che ogni rispettabile fashion brand abbia bisogno di una propria storia, una sorta di favola da raccontare ai propri consumatori per alimentare il loro desiderio di acquisto. Per seguire questa tendenza molti marchi lavorano di fantasia, accostando al vero corso degli eventi episodi miracolosi eliminando quelli meno gradevoli.

La storia del marchio Mario Bemer non ha bisogno di essere reinventata, o ritoccata, ha già tutto di suo. Nella sua semplicità e purezza racconta la vera, autentica, tradizione del Made in Italy, l’amore degli artigiani per il proprio mestiere, come è quello di Mario.

Mario Bemer

Lavorare nel centro storico di Firenze ha indubbiamente i suoi vantaggi, che in alcuni casi diventano vere e proprie sfide.  Ogni giorno il confronto è con le testimonianze di artisti ineguagliabili e con la straordinaria bellezza di Firenze, fonte di continua ispirazione.

Via Maggio e tutto l’Oltrarno sono considerati  il cuore pulsante della artigianalità fiorentina. Artigianato di oggi, antiquariato, sculture, quadri, pezzi unici adatti ai musei. All’occhio del visitatore sembra che in queste vie non esistano confini fra arte e artigianato.

Nella sua prestigiosa bottega – laboratorio, proprio in via Maggio, il maestro Mario Bemer realizza le sue ricercate collezioni. Creazioni uniche realizzate con pellami e tessuti di altissima qualità che, per la loro originalità, attirano celebrità da ogni parte del mondo.

Attori, registi, personalità del mondo cosmopolita che passano da Firenze hanno preso la buona abitudine di far visita al laboratorio. Molte volte acquistano, altre commentano l’evoluzione dello stile.

Non tutti sanno che una calzatura fatta su misura interamente a mano è destinata a rimanere nel tempo e può superare i 20-25 anni, anche più.

Il cliente collezionista di Mario Bemer è certamente esperto di calzature, esigente e abituato ad essere seguito, consigliato, potremmo dire, coccolato. Per fare una scarpa su misura è necessario, innanzitutto, comprendere la personalità del cliente, fin dal primo incontro. Solo dopo aver individuato lo stile adatto, viene presa con particolare cura e con esperienza consolidata la misura, per poi scegliere il modello con il quale verrà realizzata la scarpa.

Mario Bemer

Successivamente viene realizzata la forma, rispettando caratteristiche uniche, date dalla morfologia del piede. La prima scarpa provvisoria vedrà la luce dopo circa 45-50 giorni. Un’ottima occasione  per ritornare nel centro storico di Firenze, e dopo il solito giro per una città unica, presentarsi in Bottega da Mario per la prova di calzata. Se la prova non richiede modifiche il cliente può scegliere il pellame e tutti i dettagli che caratterizzeranno la sua personale calzatura. Dopo ulteriori 45 gg la calzatura è pronta per essere ammirata e indossata. 100 giorni più o meno, non molti infine per avere una creazione unica.

Insieme a Mario c’è anche il giovane e talentuoso socio Luca Nardini. Entrambi prendono la decisione di affiancare alla scarpa su misura una piccola serie di ready-to-wear, mantenendo pero altissimo il livello di qualità. È un prodotto di nicchia realizzato con i migliori pellami e fatto interamente in Italia. Alcuni passaggi nella lavorazione, come la costruzione Goodyear, vengono effettuati sempre a mano, secondo le stesse modalità della scarpa su misura.

Oggi il negozio-laboratorio di via Maggio non sembra più la bottega di un calzolaio, ma con antichi divani in pelle e scaffali simili a librerie, assomiglia piuttosto a una dimora storica o ad una lussuosa boutique, dove l’arredo viene curato nei minimi dettagli.

Bellissime calzature maschili, incorniciate e appese alle pareti dell’antica location, si presentano ai visitatori come opere d’arte.

Mario Bemer



Категории: Pitti Uomo, Мода, Мужская мода, Мужская обувь, Новости, Осень-зима 2017-2018, Советы по стилю, Collezione privata

Теги: ,

 

Lascia una risposta